La meglio giuventù Texts

Vulumbrella

Fatte molla e no cchiù ddura
mò che si' formosa e bella
ca ogne fica vulumbrella
a 'sto tiempo s'ammatura.

Fatte doce e no cchiù amara,
nun te fa' vedere acerba
e non esser tanto brava,
fatte umile e no superba.

Mò ca è verde la toja erba
e lu munno renovella,
ca ogne fica vulumbrella
a 'sto tiempo s'ammatura.

E mò ca sì mmeza ammullata,
e tra fronne fai la guerra
nun aspettare ca si' seccata
e che cade in chiana terra.

Fa' ca po' da te se sferra,
ca sì tosta fredda e bella,
ca ogne fica vulumbrella
a 'sto tiempo s'ammatura.

‘O matrimonio d’’o Guarracino

Lo guarracino che jeva p’o mare
jeva truvanno ‘e se nzorà
e se facette nu bello vestito
‘e squame ‘e pesce pulito pulito
visitanno fosse e pertose
se ncuntraje c’a zia vavosa
là pe là le facette ‘a mmasciata
e ‘o matrimonio fuje cumbinato

P’o spusalizio ce fuje mmitato
‘o scuorfano ‘o ciefalo e ‘o pesce spada
alici e sarde a meliune
anguille murene e capitune
merluzze spinule e purpetielle
treglie mazzune e cecenielle
aurate dentece e calamare
e ‘o delfino facette ‘o cumpare

Nu pesce bannera tutto aparato
l’ha beneritto cu l’acqua salata
e ‘o guarracino dicette allero
“Finalmente me sì mugliera”
“Evviva ‘e spuse” abbajaje ‘o pescecane
e tutte ‘e pisce sbattettero ‘e mmane
tra vase e squase abbracciamente
accuminciaje ‘o festeggiamento

Ascette mmiez la guaguiglia
ca cumannava na bella quadriglia
aropp’ascettero li seccetelle
cu ‘e tammorre e ‘e castagnelle
e accussì nzieme a li spuse nuvello
s’abballaje la tarantella
accumpagnato d’o pesce salmone
ca sunava lo calascione

La sardella se sente ind’a panza
comme si fosse na cuntrattanza
“Aiuto aiuto” alluccaje n’alice
“Priesto chiammate na levatrice”
“E’ cos’’e niente” dicette ‘a murena
“Chella ‘a sposa già eva prena”
“A chi è figlio” strillaje ‘o guarracino
“M’ha fatto curnuto ‘e Santu Martino”

“O ssaccio” alluccaje ‘o sparaglione
“stu mbruoglio l’ha fatto c’o capitone”
allucche strille nu parapiglia
tra pisce estranei e la famiglia
venettero mmiezz amice e pariente
e subbeto ascettero a pisce fetiente
a tutt chest li pisce mmitate
s’appicicavano ll’une cu ll’ate

Chianette ponie e secossune
pacchere cavece e scerevicchiune
e succerette proprio na uerra
nu fuja fuja e nu serra serra
cinquanta muorte duicento ferite
e n’ati vinte m’periculo ‘e vita
e ll’ate jettero add’o speziale
pe piglià ll’acqua turriacale

E la sposa pe la paura
se sgravaje na criatura
e fuje na granda maraviglia
pecchè facette lu scunciglio
e accussì se facette ‘o festino
d’o spusalizio d’o guarracino
e accussì se facette ‘o festino
d’o spusalizio d’o guarracino

Villanella Ch’all’acqua vaje

Villanella Ch’all’acqua vaje
Moro pe te e tu non lo saje

Aime` aime` ch’io moro mirando a te

Si si bella ‘nfra lautri bella
Comme ‘a la luna ‘nfra autri stelle

Aime` aime` ch’io moro mirando a te

Invocazione alla Madonna dell’Arco

Chi è devoto sta Maronna ‘e ll'Arco...
soré , tenitece fede
chillo é nu bellu nomme
soré 'a Maronna.

Chi e` devoto sta Maronna ‘e ll’arco…
soré , tenitece fede
Ca chella ve scanza ‘e figlie
‘e cape ‘e case
soré 'a Maronna.

Canto

Maronn''e ll'Arco mia Maronn''e ll'Arco
io sò venut''a te anema e core
ca si nun sò sincero fà ca moro
Maronn''e ll'Arco mia Maronn''e ll'Arco.

Ce sta ‘na folla fino a sott''a porta
‘ncopp'a ll'altare se ‘ncatasta a ggente
‘nnante a stu quadro bello e cummuvente,
ce sta ‘na folla fino a sott''a porta.

Chi pe' ll'ammore e chi pe' malatia
te veneno a prià ogni mumento
e a uno a uno tu 'e ffaje cuntente
chi pe' ll'ammore e chi pe' malatia.

Mo` so’ turnato a te c’’o stesso voto
E dint’’e vene tengo ‘o stesso ammore
E` tantu chianto ancora dint’’o core
Mo` so’ turnato a te c’’o stesso voto

Io so nu peccatore e sissignore
Ma so pentito ‘a fede e ‘o perdono
Io cerco sulo ‘a vita ‘e stu guaglione
Io so` nu peccatore e sissignore

Ogge ca é 'a festa toia famme sta grazia
miettece 'a mana toia 'ncopp''a stu male
e tant'ammore rint''o mmio carnale
ogge ca é 'a festa toia famme sta grazia

La meglio giuventù

la meglio giuventù,
oh Maria, sorta mia,
la meglio giuventù partiu l'America.

Maritama è sciutu l'America e nu me scrive
forse ca s'ha truvata,
oh Maria, sorta mia,
forse ca s'ha truvata n'americana.

Se iddu se lha truvata l'americana
jeu m'aggiu truvatu
oh Maria, sorta mia,
jeu m'aggiu truvatu nu paisanu.

L'America nu se chiama chiui l'America
se chiama la ruvina,
oh Maria, sorta mia,
se chiama la ruvina de la casa.

Ninna nanna di Carpino

Oi ninna ninna ninna ninna nanna
stu figlio ce vo' durmi' vo' fa' la nanna

Janne madonna e janne ti lu pigli
e purtalo passijanno a chistu figlio

E ninna ninna e ninna ninna vola
pi li campanelli di Santu Nicola

Santu Nicola e pe lu munno jeva
e tutte li criature l'addurmeva

E ninna ninna e ninna ninnarella
lu lupo s'ha magnato la pecurella

E ninna ninna e ninna ninna nanna
lu bene de li figli songo li mamme

E ninna ninna e quanto te voglio bene
se bene non te volevo io non te cantavo

Procidana

Ih quant'è bella l'aria de lu mare
nu' me ne dice core de partire.

Ce sta 'na figlia de 'nu marenaro
tanto ch'è bella che me fa murire.

'Nu juorno me nce voglio arresecare
'ncoppa 'a la casa soia voglio saglire.

Tanto la voglio astregnere e vasare
a'nzì che dice: Ammore, lassem'ire.

Ih quant'è bella l'aria de lu mare
nu' me ne dice core de partire.

Si li femmene purtassero la spada

Si li femmine purtassero la spada
tristo chill'ommo ca vulesse bene
a donna ca lu cor crudele tene.

Pecché nun sulo lu turmentarria
cu lli bellizze ma cu la spada ancora
mille ferite le darria ogn'ora.

E ne saccio una ch'è tanto crudele
ca si uno la guardasse diciarria:
pecché me guardi? E po l'accidarria.

Forse è buono ca nun portano ll'arme
ma chianellette e trezze e verducate
pe ffà murire mille nnammurati.

chianellette: pantofole,
verducate: sottana con le stecche.

La morte de mariteto

La morte de mariteto aspett'io
e no per altro no,
ma mi dubito ca primma me mor'io,
deh quanto sì bella tu.
Deh ca la vorria trovare
ma non la pozz'asciare
accussì bella comm'a te.

E tutto lu juorno sto addenucchiato
e no per altro no,
e che Dio me lev''a 'nanze stu scurore
deh quanto sì bella tu.
Deh ca la vorria trovare
ma non la pozz'asciare
accussì bella comm'a te.

Fronna

Aggiu Saputo ca la morte vene

Ue tutte li belle se vene a pigliare

Tu ca si bella miettete ‘mpensiere

Ue tanta bellezze a chi e` vuo` lassare